abitare  la  distanza   -   roberto  annecchini    

curated  by  roberto  annecchini; art  critical  texts  from  roberto  annnecchini,  patrizia  mania  and domenico scudero 

change  -  studio  d'arte  contemporanea,  rome; 04   11   1997   -   03   12   1997

 

 

roberto annecchini, abitare la distanza, detail by environment installative with text from patrizia mania and domenico scudero for solo show, change - studio d'arte contemporanea, rome. photo courtesy archive change + partner
roberto annecchini, abitare la distanza, detail by environment installative with text from patrizia mania and domenico scudero for solo show, change - studio d'arte contemporanea, rome. photo courtesy archive change + partner

 

Nell'horror vacui di tanta tendenza affiora la necessità di un modello, equidistante dall'ebbrezza tecnologica e dalla naivetè illustrativa, che sappia proporre nella sua stessa prassi i termini di un'ipotesi di dialogo nell'arte. ...

... questo ambiente minimal-concettuale è predispostoad interrogare e a farsi interrogare ...

... soprattutto a non permettere all'incanto decadente della contemplazione di seppellire,

ad un tempo, etica ed estetica del contemporaneo.

MP

 

Difficile poter competere con la perentoria astuzia dell'impero dei segni;

forse attraverso la chiara sensibilità du un colore, o di volta in volta,di una forma, e la sua continua reiterazione,

riusciremo a guidare la nostra percezione, sino ai confini della comunicazione e lì,

come risucchiati dal nostro stesso sguardo ricostruiremo una sensazione esteticamente pura.

Immagina, vedi e comprendi.

DS

 

Patrizia Mania and Domenico Scudero, by  "Abitare la distanza - Roberto Annecchini", solo show, catalogue change 1997, 1998.

 

roberto annecchini + domenico scudero (text), abitare la distanza, detail by installation for solo show, change - studio d'arte contemporanea, rome, 1997. photo courtesy archive change + partner
roberto annecchini + domenico scudero (text), abitare la distanza, detail by installation for solo show, change - studio d'arte contemporanea, rome, 1997. photo courtesy archive change + partner